1. Giornale UGI
  2. SPECIAL STAGE – dona il tuo talento

Scarica il giornale UGI

SPECIAL STAGE

SPECIAL STAGE – dona il tuo talento

Il talento è un regalo della natura.

Una dote grazie alla quale è possibile produrre opere di importante rilevanza artistica, scientifica, etica o sociale. Opere da condividere, per permettere a chiunque di godere nel guardare, sentire, toccare, percepire, scoprire e capire la natura in tutte le sue manifestazioni e sfumature. Una missione quotidiana per quanti creano contenuti, formulano concetti, danno vita ad azioni ed iniziative di interesse ed utilità pubbliche, mettendo a disposizione competenze, idee, tempo e passione.
Proprio come fa il team dell’associazione “Officine Buone”, che propone un modo nuovo di fare volontariato, attraverso progetti ed eventi di promozione sociale grazie ai quali mettere il talento dei giovani al servizio di attività ed iniziative collettive.
Iniziative come “Special Stage – Dona il tuo talento”, rassegna musicale per giovani musicisti, cantanti e band che possono farsi conoscere, esprimendo il proprio talento, esibendosi nelle corsie degli ospedali italiani che aderiscono all’iniziativa. Il format utilizzato riprende il modello di “X Factor”, il talent musicale che permette agli aspiranti artisti di mettersi alla prova per essere valutati da una giuria tecnica e da quella popolare. Da metà ottobre, una delle sedi in cui si sono svolte esibizioni e selezioni per la finale, è stata Casa Ugi.
“L’idea è nata ad inizio Settembre, durante la giornata organizzata dalla Fondazione “Parole di Lulù” - a sostegno del mondo dell’infanzia - introduce Paola Ciarrocchi di “Officine Buone” - la finalità dell’evento, che si concluse con un concerto di Niccolò Fabi, era quella di raccogliere dei fondi da destinare all’adozione di un alloggio di Casa UGI. In quell’occasione, ci siamo trovati con Domenico De Biasio, coordinatore del “Progetto adolescenti”, abbiamo parlato di questo progetto e da metà Ottobre abbiamo iniziato”.
In principio i musicisti interessati a partecipare si sono iscritti registrandosi sul sito dell’associazione all’indirizzo www.officinebuone.it/special-stage e successivamente sono stati selezionati e ricontattati dallo staff per concordare la prima esibizione. “La partecipazione è gratuita e gli artisti vengono selezionati sulla base dei testi proposti - spiega Paola Ciarrocchi - per noi è importante che trasmettano messaggi positivi”. Casa Ugi si è cosi trasformata in un set per le audizioni, e i ragazzi hanno vestito i panni dei giudici per valutare le performaces dei musicisti insieme a Domenico e allo staff di “Officine Buone” composto da Paola Ciarrocchi, Eugenio Cesaro e Paolo Di Gioia. “Gli incontri si aprivano con una presentazione dell’artista seguita dall’esibizione acustica e dall’intervista curata dai ragazzi - descrive Ciarrocchi - tutti hanno mostrato interesse e passione per la musica e per i metodi utilizzati nella composizione. Inoltre, in futuro, chi tra di loro suona uno strumento, o chi comincerà a farlo, potrà far parte di un gruppo e partecipare al talent”.
Nel frattempo, proprio in questi giorni il team di “Officine Buone” valuterà gli esiti delle esibizioni e delle votazioni concluse a dicembre. Gli artisti che avranno totalizzato il maggior numero di special credits durante l’edizione saranno ammessi alla serata finale, organizzata in collaborazione con l’etichetta discografica Sugar, con la supervisione e la consulenza di importanti artisti della musica italiana, con il patrocinio della Siae e il fondamentale supporto dei volontari di “Officine Buone”. Al vincitore della rassegna, che avrà il suo epilogo a Milano, una giuria di qualità assegnerà il “Premio Special Stage” in denaro. Inoltre, per tutti i partecipanti ci sarà la possibilità di dedicare una esibizione per un importante progetto sociale, realizzando una azione di volontariato concreta ed efficace e regalando un momento di svago ai pazienti di una struttura ospedaliera. 

Copyright 2021 - Ugi Torino C.F. 03689330011 - Privacy policy

Abc Interactive